LA CATTIVERIA DI GUALA?

Avvenne che Guala, un giorno, fu pervasa da senso di esaltazione. Si guardò allo specchio, e si concentrò su aspetti del corpo che le piacquero e che piacquero ad alcuni amanti. Avvenne che si accorse che avrebbe desiderato vivere avendo maggiore ricchezza personale e avendo la possibilità di effettuare maggiori acquisti. Si convinse del fatto che, acquisendo maggiore ricchezza, avrebbe potuto maggiormente aiutare altre persone. Si convinse del fatto che avrebbe potuto acquistare i migliori integratori alimentari che le avrebbero permesso di rimanere maggiormente giovane. Si convinse del fatto che, paradossalmente, avrebbe potuto acquistare futuristiche elettroniche strumentazioni musicali che paradossalmente le avrebbero permesso di maggiormente creare musica dedicando meno tempo. Si convinse del fatto che avrebbe potuto guadagnare tanto danaro facendosi fotografare. Si convinse del fatto che avrebbe potuto maggiormente finanziare economicamente la propaganda animalista. Avvenne che la immaginazione di Guala creò immagini nella mente di ricchezza di potere di benessere fisico di silhouette di principessa di benessere di bellezza. Avvenne che stranamente magicamente Guala incominciò ad avvertire mancanza della vicinanza di Mojijaks. Insomma, avvenne che Guala ebbe fame di fama, anche a causa di relativa provinciale povertà campagnola. Avvenne che Guala incominciò a pensare che, dopo tanti insegnamenti di vita derivati da ambiente provinciale, avrebbe desiderato imparare insegnamenti di vita derivanti da ambiente metropolitano. Insomma, avvenne che Guala, non giovanissima ma ancora bellissima, contattò Moiaks spiegando che avrebbe desiderato diventare massaggiatrice di successo.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Your comment:

Your name: